Tufts Syndrome

Mar 6, 2022
admin

Navigando nello strano mondo delle ammissioni universitarie; inbox inondato senza email di risposta, opuscoli lucidi e date di rilascio snervanti, per la buona metà di un anno, ho smesso di essere sorpreso quando imparo qualcosa di nuovo sul processo. Anche se ho già presentato tutte le mie domande, sembra che, a questo punto, potrei essere accettato in un’università e ancora non so tutto sul processo.
Ho così tante domande.
Quale college è migliore? Quali classifiche sono di parte? In che modo Swarthmore si confronta con Tufts o Amherst e come decidono quali studenti ammettere? Come fanno le Ivy leagues a fare le loro selezioni? Qual è la probabilità che entrerò in una data scuola con i miei attuali punteggi GPA e SAT? Quali sono i pro ei contro di ri-seduto il SAT? Onestamente, sembra che le risposte a queste domande dipendano da chi chiedi. Ho speso (sprecato?) molte ore perlustrando le tavole del College Confidential; leggendo sulla comunità di ciascuna delle mie scuole, leggendo su chi è stato accettato (e chi no), e perché pensavano di essere stati accettati o meno. Ognuno ha la propria idea di ciò che le scuole stanno cercando, e ogni volta che pensi di averlo giù, alcuni messaggi anomali qualcosa che contraddice completamente la tua attuale comprensione del sistema.
È un po ‘ come fare del tuo meglio per vincere una gara di danza, ma non sapendo quale stile di danza i giudici stanno cercando. Forse il processo di selezione è specificamente ambiguo, in modo che gli studenti non possano cambiare se stessi per adattarsi a una particolare scuola, e invece sono accettati nelle scuole che “si adattano”.
Qualcosa di curioso che ho incontrato è la protezione del rendimento, soprannominata “Sindrome di Tufts”. La protezione del rendimento si riferisce alla pratica delle scuole che respingono studenti altamente qualificati sulla base del fatto che molto probabilmente verranno accettati in una scuola migliore e quindi si iscriveranno lì. È definito “protezione del rendimento” poiché il rendimento è definito come la percentuale di studenti che accettano l’offerta di ammissione. L’idea è essenzialmente che gli studenti altamente qualificati è improbabile che accettare l’offerta di ammissione, ed è meglio lista d’attesa o rifiutarli di avere un rendimento inferiore. C’è anche un argomento di “interesse dimostrato”, in cui la scuola può rifiutare uno studente ben qualificato sostenendo che semplicemente non sembrano abbastanza interessati all’università. Essi suggeriscono che lo studente dovrebbe fare uno sforzo per visitare il campus, fare un colloquio con alunni, e menzionare specifiche sulla scuola nei loro saggi universitari. Questo, suppongo, è quello di scoraggiare gli studenti dall’usare la scuola come una “scuola di sicurezza” – da qualche parte sanno che sono garantiti per entrare (nel caso in cui tutto il resto fallisca). Il mio problema con questo, tuttavia, è che ancora una volta, sembra che ci si aspetta di fare certe cose, ma nessuno ti informa mai, e poi sei penalizzato per non aver completato l’attività. Il nome” Tufts ” nel soprannome deriva dalla Tufts University, una scuola che in passato molti hanno accusato di aver commesso il fatto. Tuttavia, in qualche modo è comprensibile il motivo per cui le scuole vorrebbero ammettere gli studenti che vogliono veramente andare a scuola. Oltre al solo rendimento, ci sono altri fattori che contribuiscono alla classifica e alla reputazione di una scuola, ad esempio quanto sono felici gli studenti. Perché la scuola dovrebbe accettare qualcuno che li vede come ultima risorsa, su qualcuno che li vede come una scelta top? Chi pensi che sia più propenso a classificarsi più felice se ammesso? Ci sono alcuni che sostengono che “Sindrome di Tufts” non è reale, ed è forse inventato da studenti amareggiati essendo stato respinto dalle scuole. In entrambi i casi, è ancora interessante pensare.
Ci sono così tanti fattori che contribuiscono al fatto che entrerai o meno in una scuola, alcuni dei quali potrebbero essere fuori dal tuo controllo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.