‘Il mio matrimonio era in difficoltà. Poi ho iniziato a trovare bottiglie piene di urina intorno alla nostra casa.’

Feb 5, 2022
admin

La prima volta che ho trovato una bottiglia di urina di mio marito-to-be, non ci ho pensato troppo. E ‘ stato sigillato, sul pavimento della sua auto; una bottiglia di Pepsi riproposto per la sua pipì.

Certo, era un po ‘ disgustoso, ma ho pensato che avesse riempito la bottiglia in uno dei suoi spostamenti di routine dalla casa di suo padre a un paio d’ore di distanza.

Non ne ho fatto un grosso problema, l’ho appena buttato nel bidone alla prossima stazione di servizio e siamo andati alla nostra giornata. In definitiva, ho col gesso fino a qualcosa che alcuni ragazzi fanno solo perché possono.

Guarda: Quali sono i tuoi rapporti dealbreakers? Post continua qui sotto.

E poi ci siamo sposati.

Ero mal preparato per la nostra nuova realtà.

Mio marito ha lavorato davvero duramente. Il nostro matrimonio è stato di breve durata, strano, e disseminato di problemi, ma la sua etica del lavoro complessiva non è mai stato un problema a mio parere.

È andato all’università e ha lavorato part-time, mentre ho cercato di mantenere la casa e capire cosa diavolo stavo per fare con la mia vita per diventare un “membro produttivo della società.”

È sicuro dire che sia io che mio marito avevamo molte ragioni per sentirci stressati e depressi circostanzialmente. Ci siamo sposati perché abbiamo pensato che ci amavamo, e ci siamo divertiti così tanto insieme quando eravamo incontri.

Eppure la nostra vita coniugale era una coperta bagnata di muffa che soffocava tutto quel divertimento e le nostre grandi speranze per il futuro.

Onestamente, non ricordo nemmeno quando o come fare la pipì nelle bottiglie sia diventata una cosa così grande nel nostro matrimonio. Lo era e basta.

Dopo un po’, ho iniziato a gemere udibilmente ogni volta che entravo nel nostro piccolo ufficio. Un’altra bottiglia di pipì? Mi stai prendendo in giro. Ho continuato a trovare bottiglie di plastica per bevande piene di pipì di mio marito. Il nostro bagno era non più di cinque piedi di distanza dal computer, eppure il mio coniuge aveva iniziato l ” abitudine di fare la pipì in bottiglie di acqua o bibite proprio lì davanti al computer.

Ho avuto un sacco di domande.

Non capivo perché non gli importasse di avere bottiglie di pipì in giro per casa. Non ero nemmeno chiaro come mai ogni bottiglia fosse, beh, piena.

Ciò significava che mio marito stava andando alla briga di aprire una bottiglia parzialmente riempita solo per continuare a riempirla. La puzza non l’ha disturbato? E se avesse piu ‘ volume volume di quello che la bottiglia conterrebbe? Ci sono stati incidenti con la pipì che stava pulendo alle mie spalle?

Dopo diverse occasioni di trovare bottiglie piene di urina bloccate con nonchalance sotto il tavolo del computer, sono diventato estremamente frustrato. Mio marito non è stato in grado di rispondere a nessuna delle mie domande sulla sua abitudine. Non ha saputo dirmi perche ‘si e’ rifiutato di svuotare la vescica in bagno. O perché, per lo meno, non poteva scartare le dannate bottiglie di pipì così non dovevo guardarle.

Ogni domanda che ho chiesto è stata risolta con un esasperato, ” Non lo so.”

” Beh, non voglio continuare a vederli”, ho detto.

Per essere onesti, ha in qualche modo rispettato il mio desiderio. Ho cominciato a vedere meno bottiglie di pipì. Certo, li ho ancora trovati occasionalmente in macchina. E ogni tanto ne dimenticava un po ‘ nella sala computer.

Per un po ‘ però, era decisamente meno.

Ma non mi ci è voluto molto per capire cosa stava realmente accadendo. Non ha ridotto il suo vizio. E non stava buttando fuori le bottiglie dopo averle riempite. Li stava nascondendo.

Ascolta Mamamia ad alta voce, il podcast di Mamamia con ciò di cui parlano le donne questa settimana. Post continua qui sotto.

Alla fine, ho trovato bottiglie di pipì nascoste dietro i cuscini del divano. Oppure, verso la parte posteriore di scaffali alti. C’è stata una volta in particolare quando stavo inscatolando oggetti per la nostra prossima mossa e ho trovato un’altra bottiglia di Pepsi piena della sua urina.

In quell’occasione, l’ho perso. Ho urlato a mio marito e ho chiesto di sapere perché diavolo ha insistito per nascondere la sua urina in casa.

Non pensavo di poterlo sopportare più, e questo è diventato uno di quei momenti definitivi in cui ho scelto di verificare la relazione.

Il nostro matrimonio è stato turbato per molteplici ragioni, e non ero certo l’immagine di una mente sana. Ma sentivo anche che avevo finito di cercare di sistemare le cose a quel punto.

In quei giorni, non ho mai pensato a Google il problema, perché Google semplicemente non era la risposta istintiva a tutto allora. Che, ovviamente, è sia buono che cattivo. La gente ha cercato di parlare tra di loro più, che era buono. Ma a volte, Google avrebbe potuto aiutarmi a capire meglio le cose difficili.

È stato solo dopo la relazione di mio marito e il nostro successivo divorzio che ho visto The Aviator, un film basato sulla vita di Howard Hughes. C’è una scena nel film in cui Hughes è visto fare la pipì in bottiglie di latte, e quella era la prima volta che mi venne in mente che urinare in bottiglie potrebbe essere più di una “cosa” tra gli uomini di quanto avessi mai immaginato.

Oggi, quando Google “pipì nelle bottiglie”, mi viene in mente una serie di storie su Reddit e su Internet su ragazzi che per qualsiasi motivo hanno attraversato un periodo della loro vita in cui abitualmente facevano pipì nelle bottiglie.

Alcuni uomini descrivono lo scarico e il riutilizzo delle bottiglie, mentre altri ammettono di nasconderle, o almeno di raccoglierne un mucchio prima di uno smaltimento finale.

Molti ragazzi dicono che è un’abitudine che hanno sviluppato nel bel mezzo della depressione o della malattia mentale. Ma altri insistono che era solo più facile da fare quando non volevano alzarsi dal computer o qualsiasi altra cosa stessero facendo. Alcuni tizi ne parlano anche come un’abitudine auto-lenitiva mentre altri dicono che li aiuta a monitorare meglio la loro minzione.

Citano caratteristiche come volume e colore.

Se mi fossi avventurato su Google, è difficile dire come avrei gestito le cose con il senno di poi. Ero una persona molto diversa nei miei primi anni venti rispetto a chi sono a quasi quaranta. Mi piacerebbe pensare che se avessi capito meglio la depressione e l’importanza dell’igiene mentale positiva, avrei potuto essere più utile che inorridito.

Ma davvero non posso esserne certo.

In definitiva, è diventato uno di quei segreti che non pensavo di poter dire a nessuno fino a quando non ho iniziato a guadagnarmi da vivere rovesciando i miei segreti e ho scoperto che altre persone hanno affrontato questo problema da sole.

Questa è ancora la parte più scioccante della mia carriera di scrittore. Non invecchia mai per me come posso rivelare questi segreti apparentemente imbarazzanti o vergognosi e scoprire che non sono solo.

Per molto tempo, ho interiorizzato gran parte del comportamento di mio marito. Dopo che abbiamo divorziato, ha sposato la sua fidanzata del liceo, la donna che mi ha tradito con durante il nostro matrimonio. Ho preso sui suoi problemi e ho pensato che doveva essere tutta colpa mia che ha fatto la pipì in bottiglie, mi ha mentito, e truffato.

A volte, mi vergognavo anche di lui. Come se fossi solo questo strambo che ha attirato solo gli uomini danneggiati, come negli uomini che erano tenuti a trattarmi male.

Ma credevo di essere da biasimare per il suo comportamento semplicemente perché pensavo che il matrimonio fosse il gioco finale di allora. E l’ho creduto per molto tempo. Ogni volta che un ex spostato su e si sono sposati, ho pensato che significava “hanno vinto.”Peggio ancora, ho pensato che significava che tutti i nostri problemi di relazione erano colpa mia. Come se fossi sempre stato il comune denominatore disfunzionale.

Ho dovuto crescere molto per capire finalmente che le coppie hanno segreti e i matrimoni non sono perfetti. Questo è solo un dato nella vita.

Il mio ex marito fa ancora pipì nelle bottiglie? Non ne ho idea. La sua vita non è il mio circo. E questo è il bello di andare avanti. Sicuro, ho avuto modo di vivere con quello che è successo tra me ei miei ex partner, ma ho anche arrivare a raccogliere buone lezioni da quelle esperienze.

Ero una cattiva moglie. Ero giovane, ingenuo, inesperto e gravato da problemi di salute mentale non diagnosticati. La mia mancanza di esperienza di vita si è manifestata in ognuna delle mie scelte durante i miei anni da giovane adulto.

Ci sono un milione di cose diverse che avrei potuto fare nel mio matrimonio per affrontarlo meglio o per terminarlo prima. Col senno di poi, forse non l’avrei sposato affatto.

Quello che avrei dovuto fare era risolvere il mio sh*t prima di attaccarmi alla vita di qualcun altro. E ‘ solo un buon consiglio per qualsiasi cosa facciamo. Ho abbandonato l ” università e mettere il mio sviluppo personale in attesa di svolgere il ruolo di una casalinga – che non sono mai stato molto bravo a – per due anni e mezzo.

Dove mi ha portato? In un matrimonio senza sesso con un uomo che ha fatto pipì in bottiglie e li ha nascosti in giro per l’appartamento.

La mia vita è stata un ammonimento.

Ma dio, è bello uscire e dirlo.

Immagine caratteristica: Getty.

Questo post è apparso originariamente su Medium ed è stato ripubblicato qui con il pieno permesso.

Puoi leggere di più da Shannon Ashley su Medium, o seguirla su Twitter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.